Home Auto Ecco gli incentivi statali 2021 per l'acquisto di un'auto elettrica o plug-in...

Ecco gli incentivi statali 2021 per l’acquisto di un’auto elettrica o plug-in in dettaglio

0

Al termine del 2020 la Camera ed il Senato hanno approvato la Legge di Bilancio 2021, con la conferma degli incentivi statali per l’acquisto di auto elettriche e l’introduzione di importanti modifiche rispetto alle norme in vigore nel 2020, come uno sconto parecchio corposo a beneficio dei ceti meno abbienti.

Confermato l’Ecobonus, modificato il Decreto Agosto: le cifre

Rimane inalterato nella logica e nella sostanza l’Ecobonus del 2019, il quale prevede 6.000 euro di sconto sull’acquisto di un’auto le cui emissioni di anidride carbonica (CO2) sono comprese tra 0 e 20 grammi al chilometro, quindi tipicamente elettrica o ibrida plug-in, in caso di rottamazione di un veicolo di classe Euro 5 o inferiore immatricolato prima del 1° gennaio 2011, o di 4.000 euro se invece il mezzo da rottamare non rientra nei parametri oppure se non se ne possiede uno. Se invece l’auto che si intende acquistare ha delle emissioni di CO2 comprese tra 21 e 60 grammi al chilometro, lo sconto in fattura scende a 2.500 euro con rottamazione o a 1.500 euro senza.

Ecobonus a parte, una delle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2021 è una revisione di quanto introdotto con il Decreto Agosto del 2020: sia le auto elettriche che quelle ibride “alla spina” ricevono un ulteriore incentivo di 2.000 euro da parte del Governo ed un altro, almeno di pari importo, da parte del venditore, sempre ammesso che il cliente rottami un veicolo inquinante. Diversamente, la sovvenzione del Governo e del venditore passa a 1.000 euro ciascuno.

La questione può sembrare complessa, ma non lo è: lo schema di fine articolo vi aiuterà ad avere un quadro degli sconti previsti per il 2021.

A rimanere inalterati sono anche il tetto massimo del prezzo dell’auto che rende applicabili o non applicabili le sovvenzioni previste, che resta fissato a 50.000 euro più IVA, quindi 61.000 euro, e lo sconto di 1.500 euro previsto per l’acquisto di un’auto Euro 6, a condizione che emetta tra i 61 ed i 135 grammi al chilometro di CO2 e che si rottami una vettura che soddisfi le condizioni viste in precedenza. A questi 1.500 euro va aggiunto lo sconto obbligatorio da almeno 2.000 euro a carico del venditore, che porta a 3.500 euro totali il vantaggio economico per il cliente. In questo scenario però è inferiore il tetto massimo del prezzo della vettura che rende applicabile lo sconto, pari a 48.800 euro IVA inclusa (40.000 euro senza).

I fondi totali messi sul piatto dall’esecutivo, al netto di quelli dell’Ecobonus che erano già stati stanziati in precedenza, sono pari a 120 milioni di euro per l’acquisto di veicoli fino a 60 g/km di anidride carbonica e a 250 milioni di euro per la fascia compresa tra 61 e 135 g/km.

Il nuovo incentivo ISEE 30.000: preventivo tagliato del 40%

Per quanto riguarda invece la novità citata in apertura, ossia il nuovo incentivo a beneficio delle categorie a basso reddito, il Governo ha messo a punto il cosiddetto incentivo ISEE 30.000, per l’appunto dedicato a tutti coloro che hanno un reddito pari o inferiore a 30.000 euro l’anno e si approcciano ad acquistare un’auto ad emissioni ridotte.

Il nuovo contributo prevede uno sconto del 40% sul prezzo IVA inclusa del veicolo. Anche in questo caso per poter usufruire del bonus ci sono delle condizioni da rispettare: l’auto in questione non deve superare la potenza di 150 kW, ossia 204 cavalli, e non può costare più di 36.600 euro. Quest’ultima misura non può essere cumulata con le altre viste in precedenza, per cui il cliente può decidere se usufruire di questo incentivo oppure della combinazione tra Ecobonus e le nuove misure. Lo stanziamento del Ministero per ISEE 30.000 è di 20 milioni di euro, terminati i quali servirà, eventualmente, trovare nuovi fondi.

Per i dettagli e le modalità di erogazione bisognerà attendere le indicazioni da parte dei Ministeri competenti, emanate entro 30 giorni dalla Legge di Bilancio.

Sconti 2021 sull’acquisto di un’auto elettrica con emissioni di CO2 comprese tra 0 e 20 g/km

Con rottamazione di un’auto antecedente al gennaio 2011, Euro 5 o inferiore

  • 6.000 euro di sconto in virtù di Ecobonus
  • 2.000 euro di sconto in virtù della Legge di Bilancio 2021
  • 2.000 euro di sconto da parte del venditore

Senza rottamazione

  • 4.000 euro in virtù di Ecobonus
  • 1.000 euro in virtù della Legge di Bilancio 2021
  • 1.000 euro di sconto da parte del venditore

Sconti 2021 sull’acquisto di un’auto elettrica con emissioni di CO2 comprese tra 21 e 60 g/km

Con rottamazione di un’auto antecedente al gennaio 2011, Euro 5 o inferiore

  • 2.500 euro di sconto in virtù di Ecobonus
  • 2.000 euro di sconto in virtù della Legge di Bilancio 2021
  • 2.000 euro di sconto da parte del venditore

Senza rottamazione

  • 1.500 euro in virtù di Ecobonus
  • 1.000 euro in virtù della Legge di Bilancio 2021
  • 1.000 euro di sconto da parte del venditore