FCA Fiat Auto Elettriche

Martedì, la procura tedesca di Stoccarda ha emesso una multa di 535 milioni di euro a Porsche per la sua parte nello scandalo delle emissioni di gasolio del gruppo Volkswagen scoppiato nel 2015 (il famoso dieselgate). Allo tesso modo, Fiat Chrysler è l’ultima casa automobilistica ad affrontare un pagamento per l’utilizzo di un software illegale costruito per migliorare i numeri delle emissioni dei veicoli diesel.

Le accuse e le multe contro Porsche

Fino a poco tempo fa, le autorità tedesche erano state riservate nelle loro azioni contro i marchi del gruppo VW – Volkswagen, Audi e Porsche – che installavano software illegale sui loro veicoli diesel per nascondere la vera quantità di emissioni di ossidi di azoto rilasciate durante la guida del mondo reale dando inizio al dieselgate. Invece, le autorità statunitensi sono state in prima linea nel perseguire il gruppo VW ei suoi dirigenti nel tentativo di dare qualcosa ai clienti e i cittadini truffati.

Il primo atto di incriminazione della Germania nello scandalo delle emissioni di VW è stato verso l’ex amministratore delegato Winterkorn. Ma ad aprile, i pubblici ministeri tedeschi hanno presentato la loro prima accusa criminale ai dirigenti del gruppo VW, tra cui l’ex CEO Martin Winterkorn.

Una dichiarazione di Porsche ha confermato il bando di gara, aggiungendo che “la multa completa il procedimento amministrativo di reato” condotta dal pubblico ministero contro Porsche.

Porsche ha osservato che il pubblico ministero ha accusato la compagnia di negligenza. Il gruppo VW è stato aggressivo nella sua difesa dei suoi dirigenti, spesso sostenendo che le autorità della compagnia non erano a conoscenza del software illegale posto sulle auto del Gruppo VW. In molti casi, questa affermazione si è rivelata falsa.

Porsche AG non ha mai sviluppato e prodotto motori diesel“, ha scritto l’azienda in un comunicato stampa. “Nell’autunno del 2018, Porsche ha annunciato il suo completo ritiro dal diesel ed è completamente focalizzata sullo sviluppo di motori a benzina all’avanguardia, propulsori ibridi ad alte prestazioni e mobilità elettrica.”

La situazione di Fiat Chrysler

Fiat 500 elettrica

Passando ad analizzare la questione Fiat, il Dipartimento di Giustizia americano (DOJ) ha annunciato l’accordo alla fine di gennaio, che includeva una multa di 305 milioni di dollari per compensare i clienti, oltre a una serie di altre multe multimilionarie per mitigare gli effetti dell’inquinamento.

Alla fine della scorsa settimana, un giudice ha finalmente approvato l’accordo, con più di 100.000 proprietari di veicoli che saranno in grado di sfruttare e rimediare alla truffa del dieselgate. “La maggior parte dei proprietari riceverà 3.075 dollari in pagamenti“, secondo Reuters. “I proprietari attuali e i titolari di leasing hanno tempo fino al mese di febbraio 2021 per presentare un reclamo e fino al maggio 2021 per completare la riparazione e ricevere un risarcimento, mentre gli ex proprietari hanno tempo fino ad agosto per presentare un reclamo“.

È interessante notare che il fornitore di componenti automobilistici Robert Bosch GmbH pagherà $27,5 milioni di risarcimento civile di Fiat con i clienti perché forniva il software di controllo delle emissioni illegali in questione. Bosch ha anche fornito il software illegale nello scandalo del gruppo VW.