Recensione Huawei Freebuds 4 – Huawei continua ad espandersi nel settore audio e lo fa con un prodotto rinnovato il cui predecessore ha avuto un successo quasi senza eguali, le Huawei FreeBuds 3. Il nuovo modello di cuffie True Wireless Huawei FreeBuds 4 porta con sé diversi miglioramenti ma soprattutto mantiene i punti di forza principali tra cui il design, la pulizia dell’audio andando a rimuovere i rumori ambientali attivamente, e la durata della batteria.

Video recensione Huawei Freebuds 4

Come sono fatte

Proprio nel design c’è la loro peculiarità principale: le cuffiete non sono di tipo in-ear e di conseguenza vanno a rispondere a una specifica esigenza di alcune persone (come me) che non amano la tipologia in-ear, vuoi per conformazione dell’orecchio, vuoi per gusto. Sono dunque diverse dal 90% delle cuffie in circolazione e più simili alle Apple Airpods di prima o seconda generazione. Si appoggiano dunque all’interno del padiglione auricolare, non provocano fastidio nel lungo utilizzo e non creano l’effetto rimbombo all’interno del canale uditivo mentre si cammina.

Sono quindi sprovviste di un gommino e di una eccessiva riduzione passiva del rumore, ovvero quell’azione fisica che impedisce al suono di entrare nelle nostre orecchie perché occluse dalla cuffietta. Una caratteristica che le rende particolarmente adatte all’utilizzo cittadino e a tutte le  situazioni in cui vengono sfruttati auricolari true wireless, tipicamente non quelle dell’ascolto musicale in ambiente tranquillo, ma piuttosto un misto di chiamate, note vocali, visione di video, ascolto di musica durante gli spostamenti, ambiente urbano che impone di tenere comunque i sensi attenti prestando attenzione a ciò che ci succede attorno.

Potremmo dire che mentre le cuffie in-ear si sposano bene con l’ascolto musicale in alta qualità, lo sport, il gaming e tutto ciò in cui l’isolamento acustico e la stabilità all’orecchio sono fattori positivi, le true wireless open-fit sono un prodotto in cui emergono altre necessità, per le quali il fatto di non isolare completamente dal mondo è un valore aggiunto.

Tutto ciò per chiarire quali siano le principali differenze tra cuffie in-ear e non in-ear che, di fatto, rendono questi prodotti diversi, pur chiamandosi allo stesso modo cuffie True Wireless.

Partendo dal design e dall’ergonomia, le prime caratteristiche che dovrebbero possedere delle cuffiette true wireless sono la comodità e la bellezza, entrambe perfettamente centrate da questo prodotto.
Sono disponibili in due colorazioni, grigia e bianca, la prima opaca e la seconda lucida, entrambe eleganti, con finiture cromate su alcuni elementi e una solidità costruttiva palpabile.

Il case è una sfera schiacciata, elegante e leggero, ha solo un tasto quasi invisibile che serve per il reset, il coperchio è stabile, si può aprire con una sola mano e ospita molto saldamente le cuffiette grazie ad un incastro magnetico.

Le cuffiette sono eleganti, discrete e sottili, la forma è quella classica già vista sulle Airpods, sulla parte terminale dello stelo trova posto un microfono, protetto da una sovrastruttura cromata che lo protegge dal vento, costituendo un elemento di design funzionale.

Eleganza tecnica miniaturizzata

Ciascuna cuffietta è dotata di una batteria da 30 mAh e sullo gambo della cuffietta è presente un sensore di prossimità per rilevare quando sono indossate e quando no, due microfoni microfoni e griglie per l’aria, mentre internamente il cuore pulsante è il chip Kirin A1, che muove i fili dei driver dinamici da 14,3 mm e del modulo Bluetooth 5,2 LE a bassa latenza.

Fra le novità di queste nuove Freebuds 4 c’è proprio il bluetooth 5.2 che permette di associarle con 2 dispositivi e il secondo microfono per migliorare la rimozione attiva del rumore ambientale.

Recensione Huawei FreeBuds 4: cuffie non in-ear di qualità, Band 6 in regalo 3

Soppressione del rumore attiva

La seconda peculiarità delle Freebuds 4, così come le precedenti, è la soppressione attiva del rumore per cui vanno a eliminare parzialmente i rumori molesti. Seppur non si tratti di una pulizia paragonabile a cuffie in-ear la funzionalità fa egregiamente il suo dovere ed è davvero molto raro trovarla su modelli di questo tipo. Si tratta più che altro di rendere più ovattati i suoni, mantenendo ad esempio le frequenze tipiche del parlato, ma sopprimendo il brusio, il classico rumore di un incrocio cittadino, il suono costante di un treno o di un aereo quando ci si trova all’interno.

Recensione Huawei FreeBuds 4: cuffie non in-ear di qualità, Band 6 in regalo 4

Qualità audio, chiamate e latenza

La qualità delle Huawei FreeBuds 4 è di alto livello, ovviamente nei limiti del design non in-ear. Detto ciò è superiore ai principali competitor: i bassi sono presenti, il suono è rotondo ed avvolgente già a volume medio, presenti anche gli alti seppur il bilanciamento del suono sia leggermente sbilanciato verso le basse frequenze.

Per un ascolto musicale senza grandi pretese sono abbondantemente sufficienti delle ma loro qualità si esalta quando si tratta di lavorare nel loro principale terreno, in chiamata ad esempio sono ottime. Il nostro audio viene catturato grazie ad un microfono a conduzione ossea, mentre i microfoni ambientali agiscono per ridurre il rumore di fondo, il risultato sono conversazioni nitide e chiare anche negli ambienti più rumorosi. Interessante poi il fatto che la latenza sia praticamente azzerata e quindi sono godibili anche durante la riproduzione di video.

Recensione Huawei FreeBuds 4: cuffie non in-ear di qualità, Band 6 in regalo 5

Funzioni smart

Le Huawei Freebuds 4 godono di alcune funzionalità smart tutte controllabili attraverso l’applicazione di gestione AI Life che però dovrete scaricare scansionando il qrcode sulla scatola in quanto l’applicazione presente sul Play Store non è aggiornata.

Con le ultime novità introdotte è davvero utile perché innanzitutto grazie al Bluetooth 5.2 possiamo collegare due dispositivi contemporaneamente e dall’app gestire la connessione, così da collegare ad esempio lo smartphone e lo smartwatch.

Da qui è poi possibile attivare o disattivare la cancellazione del rumore in cuffia, con due livelli di intensità: comfort e generale, quest’ultimo più aggressivo. Regolare la qualità audio durante le chiamate e migliorare alti o bassi, e infine aggiornare le cuffie o personalizzare l’azione da eseguire al doppio tocco sulla cuffietta.

Recensione Huawei FreeBuds 4: cuffie non in-ear di qualità, Band 6 in regalo 6

Autonomia

A livello di batteria non cambia il modulo presente nel case: 410 mAh che si ricarica via wireless o tramite una porta Type-C. L’autonomia dichiarata delle Huawei Freebuds 4 è di 4 ore in riproduzione a volume medio, abbiamo verificato qualcosa in meno e circa 3 ore se si tiene attiva la riduzione del rumore, il case però conserva circa 3-4 ricariche complete di entrambe le cuffie, per un tempo di operatività complessivo tra le 12 e le 15 ore, un ottimo risultato.

Basta 1 ora per ricaricare completamente il case e lo stesso tempo per la ricarica completa di entrambe le cuffiette.

Recensione Huawei FreeBuds 4: cuffie non in-ear di qualità, Band 6 in regalo 7

In conclusione

Le Huawei Freebuds 4 arrivano sul mercato a un prezzo più competitivo rispetto ai 179 Euro richiesti per il precedente modello. Il prezzo di listino è infatti di 149 Euro ma con il coupon sconto “AFB4E20”, valido fino a fine giugno, potrete portarvele a casa a 129 Euro con, tra l’altro, con la Huawei Band 6 in regalo del valore di circa 70 Euro. Se poi volete acquistarne un secondo paio, potete farlo al prezzo di 119 Euro e anche qui con la Huawei Band 6 in regalo.

Insomma, se cercavate un paio di cuffie TWS di tipo non in ear e di gran qualità, questo prodotto è quello giusto per voi. Se però in tasca avete ancora le Freebuds 3 e funzionano ancora bene, direi che il passaggio non è utile in quanto i miglioramenti che potrete ottnere non sono così marcati da giustificarne il passaggio.

Potete acquistare le Huawei Freebuds 4 al prezzo di 149 Euro sul Huawei Store, in offerta al prezzo di 129 Euro grazie al coupon AFB4E20 e con Huawei Band 6 in regalo. Inoltre, potete risparmiare ulteriori 10 Euro acquistandone un secondo paio, anch’esso con Huawei Band 6 in regalo.