Fitbit Charge 4

All’inizio di questo mese è emerso che l’acquisizione di Fitbit da parte di Google era sotto un esame più approfondito da parte dell’UE. Un nuovo rapporto di oggi afferma che i regolatori europei sono disposti ad approvare l’affare se Google si impegna formalmente a non utilizzare i dati sanitari Fitbit per scopi pubblicitari.

L’UE chiede a Google garanzie sulla privacy per i dati Fitbit

Secondo Reuters, Google potrebbe evitare un’indagine antitrust della durata di quattro mesi a patto che la società formalizzi la promessa risalente allo scorso novembre di non utilizzare i dati di salute e benessere Fitbit per indirizzare gli annunci pubblicitari.

All’epoca il capo hardware Rick Osterloh affermò che Google avrebbe dato agli utenti Fitbit esistenti la possibilità di rivedere, spostare o eliminare i dati e che la società si sarebbe impegnata a fondo per proteggere le informazioni degli utenti in quanto la privacy e la sicurezza sono fondamentali.

Secondo quanto riferito, Google ha tempo fino al 13 luglio per fornire tale concessione in quanto la commissione europea dovrebbe prendere una decisione la settimana successiva.

All’inizio di luglio i regolatori europei hanno interpellato concorrenti, produttori, sviluppatori di app, fornitori di servizi online e di servizi sanitari per verificare se l’affare potrebbe in futuro danneggiare il mercato e su come l’acquisizione di Fitbit potrebbe avvantaggiare Google in materia di salute e fitness.

La posizione di Google nell’acquisizione di Fitbit

In un commento a Reuters, un portavoce di Google ha affermato che l’acquisizione di Fitbit aumenterà la concorrenza nell’affollato settore dei dispositivi indossabili a vantaggio dei consumatori, rendendo la prossima generazione di dispositivi migliore e più economica.

Dal momento che l’affare da 2,1 miliardi di dollari è ancora in sospeso, Google e Fitbit devono ancora dettagliare i piani comuni, tuttavia ci sono indizi che Fitbit sta lavorando per integrare Google Assistant nei suoi indossabili.

Potrebbe interessarti: Veramente una smartband coi fiocchi: Huawei Band 4 Pro è al top