Immuni

Sono bastati due giorni all’app Immuni per superare un milione di download dal Play Store e AppStore. Lo comunica Domenico Arcuri, commissario straordinario per l’emergenza Coronavirus, parlando dell’effettiva attivazione dell’applicazione.

Date di attivazione di Immuni

Dalla prossima settimana Immuni entrerà a regime nelle regioni pilota, ovvero Marche, Liguria, Puglia e Abruzzo. In realtà la fase di test sarebbe dovuta iniziare questa settimana ma è stata rimandata a lunedì 8 giugno. La sperimentazione permetterà di verificare che tutto funzioni in maniera corretta, che i dati vengano raccolti in maniera precisa e nel rispetto delle norme vigenti e che i sistemi di notifica dei contatti e la segnalazione delle eventuali positività non crei problemi.

A partire dal 15 giugno l’attivazione riguarderà tutte le rimanenti regioni d’Italia. In questo modo, oltre a completare i test e correggere eventuali bug, ci sarà il tempo per un maggior numero di utenti di scaricare l’applicazione da Play Store di Google o App Store di Apple.

Ricordiamo che il successo del progetto dipenderà dal numero di utenti che scaricheranno l’applicazione e inseriranno la propria eventuale positività per consentire ai potenziali contatti di effettuare le necessarie verifiche mediche per scongiurare una seconda ondata dell’epidemia.

Risultati insperati per Immuni

Nei primi due giorni, ricorda Arcuri, l’app Immuni è stata scaricata 1.150.000 volte, un risultato confortante e per certi versi inaspettato, viste le tantissime polemiche sollevate da molti utenti, convinti che l’app sia destinata a violare la privacy degli utenti, finendo per diventare una sorta di Grande Fratello. Arcuri ribadisce, visto che a quanto pare ce n’è ancora bisogno, che l’app è anonima.

Non viene effettuata alcuna geolocalizzazione dell’utente, contrariamente a quanto sostiene qualcuno: i dati, anonimi, sono mantenuti in una infrastruttura gestita e posseduta da una azienda interamente di proprietà dello Stato. Immuni è conforme con la totalità delle normative italiane ed europee in merito a privacy e sicurezza, per cui dopo averla installata è possibile dormire sonni tranquilli.

Ricordiamo che potete scaricare scoprire tutto quello che c’è da sapere su Immuni leggendo il nostro articolo dedicato e guardando la nostra prova.