Immuni

Come ben sappiamo dallo scorso 1 giugno 2020 IMMUNI è disponibile al download, ovvero l’applicazione sviluppata dall’azienda italiana Bending Spoons e fortemente voluta dal Governo italiano. Dal suo lancio su App Store e Google Play Store, IMMUNI è già stata scaricata più di 500 mila volte.

IMMUNI scaricata più di 500 mila volte

Infatti, come viene sottolineato dalla ministra per l’Innovazione Paola Pisano, “i cittadini ne hanno capito l’importanza e l’utilità. Ad oggi siamo il primo grande Paese d’Europa ed uno dei primi al mondo a usare una tecnologia simile per il contrasto del virus“. Come ricorda la ministra, e come abbiamo più volte sottolineato all’interno del video che trovate linkato in calce alla news, l’applicazione IMMUNI è stata sviluppata tutelando l’identità dei cittadini che non viene mai e in nessun caso registrata, salvata e condivisa.

L’alto valore di download è facilmente individuabile tramite il contatore presente sulla pagina di download su Google Play Store – lo store digitale di Apple non offre un contatore visibile all’esterno, ma lo è solo per gli sviluppatori. Ricordiamo inoltre che, a partire dal prossimo 8 giugno 2020, l’applicazione IMMUNI inizierà ad essere testata in 4 regioni italiane: Abruzzo, Liguria, Marche e Puglia.

Prima di lasciarvi andare a guardare il video che trovate linkato in calce alla news, vi ricordiamo che non esiste alcun obbligo di scaricare l’app IMMUNI. Certo è che, se volete aiutare il Sistema Sanitario Nazionale a combattere l’epidemia, installandola darete un contributo reale e tangibile per proteggere la vostra comunità e le persone a cui tenete.

Potrebbe interessarti anche: cos’è, dove si scarica e come funziona IMMUNI