Home Mobilità Elettrica News Boom di monopattini elettrici, dieci norme per viaggiare in sicurezza

Boom di monopattini elettrici, dieci norme per viaggiare in sicurezza

0

Mettendo per un attimo da parte le tante situazioni spiacevoli che ci ha riservato, questo 2020 a dir poco inconsueto si è rivelato un anno d’oro per la mobilità sostenibile. Lo è stato per le auto elettriche, che hanno resistito meglio delle “tradizionali” alla crisi che ha coinvolto l’intero settore, e per la micromobilità, incentivata dal Governo con il Bonus Mobilità 2020 per arginare i contagi nei mezzi pubblici.

Il boom di eBike e monopattini elettrici è stato “controllato” dalle norme di inizio anno che ne hanno regolamentato l’uso nelle nostre città, ma ogni sforzo legislativo sarebbe vano se ciascun possessore di un mezzo a batterie non lo utilizzasse con responsabilità e consapevolezza dei rischi. Per questo motivo bisogna tenere a mente delle poche, semplici, norme che garantiscano l’utilizzo in sicurezza a noi e agli altri dei nuovi mezzi.

Lexgo, azienda produttrice di monopattini elettrici, ce ne ricorda dieci in un’infografica. Anzitutto bisogna avere almeno 14 anni per guidarne uno su strade pubbliche, ma indipendentemente dall’età è fortemente consigliato indossare il casco. Sarebbe meglio che si circolasse sempre su una pista ciclabile, allineati su un’unica fila e senza superare il limite di legge di 25 chilometri orari, limite che scende a 6 km/h all’interno delle zone pedonali.

Inoltre, lo impongono insieme legge e buonsenso, quando la luce cala bisogna possedere luci davanti e dietro e indossare giubbino o bretelle ad alta visibilità. Per circolare in sicurezza, Lexgo consiglia di esercitarsi in un “luogo privato e non trafficato” a svolgere le manovre di sicurezza: meglio essere pronti a tutto, specie nel traffico delle grandi città.

Boom di monopattini elettrici, dieci norme per viaggiare in sicurezza 1

Infine non è consentito trasportare sul monopattino animali, bagagli oppure oggetti ingombranti e altre persone, e soprattutto quest’ultimo punto è quello a cui si contravviene più di frequente. Consiglio bonus: “per evitare di spaventare i pedoni, ti suggeriamo di segnalare la tua presenza con segnale acustico”.