Cultura Tech

Il WiFi gratis in metro a Milano con banda larga è realtà, tutto ciò che c’è da sapere

Il WiFi gratis in metro a Milano è arrivato e porta con sé un’esperienza di navigazione a banda ultralarga. D’ora in avanti mentre attenderete ad una fermata della metro potrete scaricare un film, ascoltare musica o navigare in rete a grande velocità e senza la paura della ricezione dati non funzionante. Ma per il momento questo servizio non è ancora diffuso in tutte le stazioni della città, per cui vi spiegheremo in questo articolo le località, il funzionamento, le limitazioni e gli sviluppi futuri del WiFi gratis in metro a Milano.

Località e limitazioni

Il WiFi gratis in metro a Milano a banda larga è già attivo da febbraio di quest’anno per tutti i passeggeri che transitano per la stazione Duomo M1 e M3. Da domani, lunedì 28 maggio, la copertura verrà estesa anche alle stazioni di San Babila M1 e Cadorna M1 e M2.

Il servizio è stato reso possibile grazie ad un accordo tra ATM (Azienda Trasporti Milanesi) e Fastweb. La copertura delle stazioni in cui il WiFi gratis in metro a Milano è attivo hanno al loro interno una copertura capillare del segnale wireless, grazie ad un elevato numero di Access Point (40 nella sola stazione Duomo, cablata in fibra ottica con collegamenti a 4 Gbps), ognuno dei quali in grado di gestire fino a 256 utenti contemporaneamente.

I passeggeri possono navigare giornalmente senza limiti di banda per le prime quattro ore con velocità di collegamento che possono superare i 500 Mbps. Una volta scadute le ore giornaliere ad alta velocità sarà comunque possibile proseguire la navigazione con una velocità limitata a 200 kB/s in download e in upload.

Funzionamento

Per utilizzare il WiFi gratis in metro a Milano i passeggeri che si trovano all’interno di una delle stazioni coperte da tale servizio devono innanzitutto collegarsi alla rete WiFi della stazione. Per sfruttare tale rete liberamente l’utente deve registrarsi al servizio, attraverso i social network (Facebook, Twitter, Instagram, Linkedin o Google+) oppure inserendo i propri dati identificativi, il numero di cellulare e l’indirizzo di posta elettronica. Una volta effettuata la registrazione e ricevuta la password l’utente potrà accedere liberamente al servizio eseguendo il login con i propri dati.

Il servizio, oltre alla possibilità di navigare gratuitamente ad alta velocità per quattro ore al giorno,  prevede una pagina di benvenuto che fornisce al passeggero informazioni in tempo reale sullo stato del servizio delle linee metropolitane, informazioni sull’infomobilità e la possibilità di consultare la mappa della linea metropolitana milanese. Questa pagina di benvenuto sarà inoltre integrata con ulteriori servizi informativi in tempo reale riguardo lo stato del trasporto pubblico.

Sviluppi Futuri

Nei mesi scorsi ATM ha annunciato un piano di investimento da 2 milioni di euro, di cui una importante parte è destinata alla tecnologia. In particolare il direttore generale ATM Arrigo Giana ha parlato di progetti ambiziosi di tecnologia a 360°, come bus elettrici, ticketing elettronico e smaterializzazione dei biglietti,  con “l’obiettivo di essere all’avanguardia nell’avanzamento di tutte le frontiera nel campo del trasporto pubblico e dei servizi alla clientela”.

ATM ha dunque intenzione di estendere il WiFi gratis in metro a Milano a tutte le 113 stazioni presenti nella città e lungo tutto il percorso della metropolitana. Ma ciò non è tutto, in quanto verranno inoltre attivate sperimentazioni per testare la qualità delle varie coperture wireless anche per i mezzi di superficie del trasporto pubblico.

 

Nel caso in cui aveste avuto modo di testare la qualità del WiFi gratis in metro a Milano vi invitiamo a farci sapere la vostra esperienza con un commento all’articolo. Seguiteci sulla nostra pagina Facebook per rimanere sempre aggiornati a 360° gradi sul mondo delle tecnologia.

Fonte: Macitynet

Comments
To Top