Modem Libero

Dopo aver avuto una sentenza negativa sul proprio ricorso relativo alla delibera dell’AGCOM sul “Modem Libero“, TIM ha incominciato ad adeguarsi alle nuove regole avvisando alcuni suoi utenti che dal 1° dicembre verranno apportate delle novità alle offerte di rete fissa.

Per chi non lo sapesse, la delibera AGCOM 348/18/CONS sancisce non soltanto il diritto per gli utenti di scegliere liberamente gli apparati da utilizzare per il collegamento alla rete di ciascun provider ma stabilisce l’obbligo a questi ultimi di fornire i dati per l’utilizzo di tutti i servizi attraverso dispositivi di terze parti, credenziali VoIP comprese quindi.

Si tratta di una buona notizia, soprattutto perché il cambiamento di TIM avverrà 30 giorni prima del termine ultimo fissato per il 31 dicembre. Tuttavia, al momento ci troviamo in una fase in cui abbondano di più i dubbi e le domande che le certezze.

Al momento infatti non si tratta di una notizia ufficiale, dal momento che proviene da uno screenshot apparso sulla pagina Facebook del progetto Modem Libero, nato con lo scopo di sensibilizzare i consumatori italiani sul loro diritto alla libertà di scelta del router. Lo screenshot, che potete vedere qui in basso, mostra una bolletta TIM in cui l’operatore di telecomunicazioni informa il cliente sulla possibilità – a partire dal prossimo 1° dicembre – di scegliere liberamente il modem router da usare per la sua connessione a banda larga o ultralarga.

Da qualche tempo TIM non fa più pagare il modem abbinato alle offerte di rete fissa ma, per aggirare il mancato introito, obbliga i clienti a sottoscrivere un abbonamento a TIM Expert da 6,90 euro al mese per 48 mesi. Non sappiamo al momento se per questi utenti cambierà qualcosa e come si comporterà TIM con i clienti che stanno ancora pagando il modem.

Fortunatamente però, ci troviamo a soli 10 giorni dall’effettiva entrata in vigore delle nuove regole sul “Modem Libero” di TIM.