Samsung Galaxy Book S recensione

Se non avete mai sentito parlare di Windows 10 su ARM, non avete colpe. Nel corso degli anni le proposte Windows 10 su ARM, chiamate Always Connected PC, sono sempre state macchine piene di bug e dalla potenza hardware limitata. Una situazione poco promettente o almeno così era fino al 2019, anno in cui Microsoft e Qualcomm hanno studiato una base hardware importante dove far girare la versione completa di Windows 10.

Non è questa la sede per fare una cronistoria di Windows 10 su ARM ma se ci fosse il bisogno di segnalare un punto di svolta, il Samsung Galaxy Book S è di sicuro quel punto. Grazie al processore Qualcomm Snapdragon 8cx e alla sapiente ingegnerizzazione di Samsung, il Galaxy Book S è l’espressione del futuro dei notebook. Un futuro nemmeno troppo lontano.

Samsung Galaxy Book S design

Samsung Galaxy Book S

Il primo contatto con Galaxy Book S è fantastico. Un notebook così leggero, così sottile ma allo stesso tempo, solido, premium e dal design raffinato, è merito di un brand che di esperienza ne ha tanta alle spalle, Samsung con Galaxy Book S ha dato il meglio di sé.

Peso piuma da soli 961 gr, spessore ridotto a 6.2 mm nel punto più stretto mentre si sale a 11.8 dove ci sono le poche porte a disposizione. Qualsiasi notebook con peso e dimensioni del genere potrebbe sembrare un mockup vuoto, invece Samsung Galaxy Book S riesce a restituire un feeling di oggetto di classe, costruito alla perfezione e soprattutto resistente. Per dirne una, sebbene il display sia la parte più sottile del notebook, non flette in nessun modo, il rivestimento in alluminio è solidissimo. L’unico reale compromesso da accettare è l’impossibilità di aprire il notebook con una sola mano.

Samsung Galaxy Book S porte

Qualcuno potrebbe lamentarsi delle poche porte a disposizione. Effettivamente sole due USB-C e il jack audio possono andar strette a qualcuno ma basta un dongle per espandere le connessioni ed in realtà, Samsung nel box di vendita inserisce un piccolo USB-C to USB-A. Le espansioni on board non sono finite qui. C’è il carrellino per inserire una SIM dati e una scheda MicroSD per espandere la memoria interna o per trasferire file velocemente.

Le dimensioni complessive sono contenute grazie ad una valida ottimizzazione degli spazi, le cornici del display sono ridotte e l’aspect ratio del pannello di 16:9 favorisce la portabilità. Con un peso inferiore al Kg e con uno spessore impressionante, Samsung Galaxy Book S è il notebook perfetto per essere trasportato ed utilizzato dovunque. Nello zaino sarà impercettibile, è in grado di resistere a tutti i pericoli della vita quotidiana e grazie al peso piuma non potete immaginare quanto sia comodo muovere il notebook al volo magari impugnandolo nell’angolo con sole tre dita.

Samsung Galaxy Book S

Il colore Earthy Brown può piacere o meno ma quella sfumatura satinata che si muove dal bronzo all’oro passando per un rosa accennato rappresenta tutta la raffinatezza di un prodotto del genere. Samsung Galaxy Book S non è solo pensato per essere comodo ma con il suo peso e il suo spessore è in grado di attivare lo sguardo di tutti.

Samsung Galaxy Book S tastiera e trackpad

Samsung Galaxy Book S tastiera

Quanta corsa possono avere i tasti di una tastiera inserita nel corpo di un notebook così sottile? Poca, è normalissimo. Samsung ha provato a fare di tutto per rendere la tastiera più confortevole e rapida da utilizzare ma è chiaro che i limiti fisici di una soluzione così sottile non possono essere completamente azzerati.

La tastiera del Galaxy Book è buona ma non fa di più. Tra le altre cose, ha il tasto power con il lettore di impronte dedicato per il log in tramite Windows Hello. La digitazione è comunque precisa, non c’è bisogno di applicare troppa forza ai keycaps. La porosità dei keycaps è buona ed è un piccolo dettaglio che farà la differenza nelle sessioni di scrittura di testi lunghi. La retroilluminazione c’è ma è conservativa, i vari livelli di regolazione sono mediamente bassi in ogni caso di notte non ci sono problemi, anzi l’illuminazione è decisamente uniforme.Samsung Galaxy Book S trackpad

Il trackpad è in vetro ed è precisissimo, molto scorrevole e riconosce alla grande tutte le gesture di Windows 10. Ottimo lavoro sul trackpad anche in termini di dimensioni, visto lo spazio a disposizione, Samsung ha inserito quanta più area di utilizzo possibile. Il click è deciso, non perde un colpo e per gli appassionati del sound, sia quello del trackpad che quello della tastiera è poco corposo.

Samsung Galaxy Book S display e audio

Samsung Galaxy Book S display

Al trackpad viene in soccorso anche il supporto al touch del display del Samsung Galaxy Book S. Un pannello da 13.3” con risoluzione FullHD e tecnologia IPS, senza nessun tipo di trattamento antiriflesso per “colpa” del supporto al touch. Il display di Galaxy Book S è bellissimo, ha una luminosità molto molto alta tanto da non far rimpiangere una finitura opaca per i riflessi. I colori sono brillanti al punto giusto, non risultano mai troppo carichi e complessivamente anche le tonalità scure vengono gestite benissimo.

Un display particolarmente adatto alla multimedialità, non solo grazie ai colori vividi ma anche grazie alla ratio 16:9. Vedere un video su Youtube o una serie su Netflix è assolutamente un piacere in qualsiasi condizione di luce, anche di notte quando la luminosità elevata di questo pannello potrebbe risultare fastidiosa, l’escursione permette di arrivare a valori molto bassi di luminosità, gli occhi ringrazieranno.

Da Samsung non si poteva fare altro che attendere un pannello di altissima qualità e le aspettative non sono state deluse, Samsung Galaxy Book S ha un display che lascia tremendamente soddisfatti. Fun fact, il display in realtà non è stato prodotto da Samsung. HWiNFO mostra la sigla BOE, Samsung deve aver commissionato il pannello al produttore terzo e deve aver preteso la massima qualità possibile. Senza andare a scovare i dettagli, sarebbe stato impossibile valutare questo display come non Samsung.

Oltre al display così appariscente, colpisce in positivo anche la parte audio curata da AKG con pieno supporto a Dolby Atmos. La posizione dei due speaker di sistema è sapiente, non era facile posizionarli su un notebook dall’ingombro così ridotto. Sono stati installati sulla parte inferiore, in prossimità della curva della back cover in modo da non ostacolare il suono ma di farlo rimbalzare in modo da amplificarlo. Il volume è altissimo, la qualità audio non si sporca mai nemmeno al massimo del volume e ogni singola tonalità è distinguibile senza nessuna difficoltà. Questo Samsung Galaxy Book S è decisamente adatto al consumo massiccio di contenuti multimediali.

Samsung Galaxy Book S scheda tecnica

Samsung Galaxy Book S LTE

Samsung Galaxy Book S ha la vera novità nel processore. Lo Snapdragon 8cx è la soluzione sviluppata dalla collaborazione intensa tra Qualcomm e Microsoft per rendere, finalmente, giustizia al progetto Windows 10 su ARM. Il processore è basato su 8 core Kryo con una frequenza di clock massima di 2,8 GHz, ha un TDP pari a 7 W ed il processo produttivo è a 7 nm. Ecco le specifiche tecniche di Samsung Galaxy Book S:

  • Processore Snapdragon 8cx 1.8GHz, Max 2.7
  • Adreno 680 GPU
  • 8 GB RAM LPDDR4 1800 MHz
  • 256 GB UFS 3.0
  • Display 13.3” IPS, 1920×1080 pixel, touch
  • 2 speakers, 2 microfoni
  • Webcam 720p
  • Fingerprint sensor
  • 2 USB-C
  • Jack audio 3,5 mm
  • Batteria 42 Wh
  • MicroSD
  • Always connected LTE

Samsung Galaxy Book S prestazioni

Samsung Galaxy Book S utilizzo

Prima di parlare delle prestazioni concrete del Samsung Galaxy Book S, è il caso di entrare nel dettaglio della flessibilità di un notebook Always Connected. Grazie al supporto alle reti LTE, questo Book S è un device comodissimo, si utilizza con una semplicità disarmante. Se si vuole lavorare in esterna non c’è bisogno di pensare alla connessione Wi-Fi, grazie alla ricezione stabile e solida LTE, basterà semplicemente aprire il notebook ed iniziare a lavorare.

Fermi su una panchina all’aperto non si dovrà pensare ad utilizzare lo smartphone come hotspot, in giro per la città non si dovrà fare la ricerca di un bar con una stabile connessione Wi-Fi e se volete lavorare nel giardino di casa non dovete pensare alla portata del Wi-Fi. Avere un notebook con una connessione indipendente potrebbe sembar poca cosa, in fondo molti si trovano bene ad utilizzare lo smartphone come hotspot.

La realtà dei fatti è che quando si utilizza un notebook always connected ci si rende conto di quanto sia comoda una soluzione del genere, di quanto tempo si risparmi e di quanto sia molto più sicuro non appoggiarsi alle connessioni poco affidabili in giro per il mondo. Pensate a quante volte ci si connette alle reti Wi-Fi degli aeroporti, tra le più attaccate dai cybercriminali negli ultimi anni.

Windows 10 su ARM è finalmente pronto? La risposta è sì ma con dovute precisazioni. Samsung Galaxy Book S è molto veloce in ogni operazione quotidiana, Windows 10 viene eseguito alla perfezione senza nessun tipo di incertezza o di bug se si resta nel mondo pensato da Microsoft. Per dirne una, il nuovo browser web Edge è fantastico e su questo Galaxy Book S restituisce una fluidità di navigazione, una piacevolezza di utilizzo senza pari. Se già si installa Google Chrome che non ha ancora una versione ufficiale per ARM, il programma verrà eseguito in emulazione e non riuscirà a reggere il confronto con Edge. Ad onor del vero, le prestazioni dei programmi in emulazione sono state decisamente migliorate grazie alla stretta collaborazione tra Microsoft e Qualcomm.

Per esempio, Adobe Photoshop si lascia utilizzare senza grossi problemi su questo Galaxy Book S mentre Adobe Premiere Pro risulta non compatibile. Anche altri programmi, come alcuni benchmark utilizzati per test, non sono compatibili o nella migliore delle ipotesi vengono installati ma non eseguiti in nessuna delle modalità di emulazione disponibili in “Proprietà”, “Compatibilità”, “Windows 10 basato su ARM”.

Samsung Galaxy Book S

Il punto è che Windows è pronto per essere eseguito alla perfezione su ARM, ne è la prova il pacchetto Office perfettamente funzionante, il già citato browser Edge, il simpatico Paint 3D e tante altre applicazioni disponibili nel Microsoft Store. Vista la storicità di alcune applicazioni e la vastità dei programmi Windows è facile ritrovarsi davanti ad un programma non ottimizzato o non in grado di essere eseguito in emulazione. Microsoft dovrebbe incentivare ancora di più gli sviluppatori ad aggiornare i loro programmi, le loro applicazioni per la base hardware ARM. Il Samsung Galaxy Book S ha tutta la potenza necessaria per far girare programmi pesanti, il processore Snapdragon 8cx è decisamente valido ma mancano le ottimizzazioni delle applicazioni di terze parti.

La situazione migliorerà sicuramente nel tempo perché ormai è chiaro, ARM su Windows sarà la base degli ultrabook del futuro. Un futuro nemmeno troppo lontano perché in fin dei conti, se non si hanno delle esigenze di nicchia, questo Galaxy Book S potrebbe risultare nelle mani di tanti utenti, uno dei migliori notebook in circolazione.

Se si ha un workflow legato ad Office, al lavoro via browser web sul cloud, se si fa un tipo di utilizzo standard del notebook, non ci saranno problemi per nessuno. I problemi nascono dagli utilizzi di nicchie che ancora devono essere coperte dalla compatibilità per ARM. Chi fa grafica non è ancora coperto, chi vuole giocare con il notebook non potrà eseguire i titoli più moderni e dovrà accontentarsi di Asphalt 9, chi fa montaggio video non può ancora farlo (Adobe Rush dovrebbe essere rilasciato a breve).

Ricapitolando, se si hanno esigenze produttive specifiche, alcune applicazioni potrebbero non funzionare. Se invece si fa un tipo di utilizzo basato molto sul browser web, su Office e sull’intrattenimento personale, non ci saranno problemi. Molti studenti, alcuni manager e anche tanti giornalisti si troveranno benissimo con una soluzione del genere grazie alle dimensioni estremamente compatte, prestazioni ottime e durata della batteria allucinante, il tutto senza aver bisogno di una connessione Wi-Fi dedicata.

Samsung Galaxy Book S benchmark

Senza la compatibilità con Handbrake e Premiere Pro non abbiamo potuto mettere sotto duro lavoro il processore Snapdragon 8cx che sulla carta dovrebbe essere comunque in grado di montare agevolmente un video in 4K, il montaggio in 8K è un caso limite che mette alle strette anche le macchine high end. Se i benchmark di “laboratorio” non possono essere effettuati, abbiamo provato a stressare il notebook in ogni modo possibile e immaginabile, Galaxy Book S non ha mai fatto una piega. Inutile parlare di temperature, anche sotto connessione LTE non si avverte nessuna zona di calore, il dispositivo è fanless, totalmente silenzioso.

Ad onor del vero due benchmark sono stati eseguiti correttamente. CrystalDiskMark ha evidenziato delle buone prestazioni della memoria Samsung UFS con 1909 MB/s in lettura e 422 MB/s in lettura, valori che permettono al Galay Book S di essere utilizzato in rapidità anche se non si possono confrontare con i moduli SSD NVMe più recenti. L’altro test che ha dato esito positivo è Geekbench con valori del processore Snapdragon 8cx paragonabili ai processori Exynos 990 di Samsung ma un po’ distanti ai risultati di uno Snapdragon 865 per restare in casa Qualcomm. Ecco i risultati dei benchmark di Samsung Galaxy Book S:

Samsung Galaxy Book S software

Samsung Galaxy Book S software

Rispetto a qualche anno fa, Windows 10 su ARM non ha alcuna differenza in confronto alle versioni installate sui processori Intel e AMD, è semplicemente Windows 10 con l’aggiunta delle opzioni per il controllo della connessione LTE. Per tutto il resto Samsung ha inserito poche applicazioni del suo ecosistema, una mossa saggia perché Windows 10 non ha bisogno di molte aggiunte. Samsung ha aggiunto una piccola app di controllo per il Galaxy Book in grado di preservare la salute della batteria e di impostare manualmente gli APN.

Ha inserito ancora qualche applicazione per migliorare l’integrazione del Galaxy Book S all’interno dell’ecosistema Samsung come SmartThings, c’è la Galleria Samsung che si sincronizza con il cloud così come Samsung Notes. Infine c’è anche il supporto a Samsung DeX e Flow, due soluzioni avanzate per avere un controllo dello smartphone attraverso il notebook andando a sostituire la soluzione stock di Windows 10 (comunque presente).

Samsung Galaxy Book S autonomia

Samsung Galaxy Book S autonomia

L’autonomia è impressionante nonostante la capacità della batteria di 42 Wh (5520 mAh @ 7.6 V), una dotazione leggermente piccolina per un notebook ma grazie allo Snapdragon 8cx si riesce ad avere un consumo energetico, anche sotto rete LTE, decisamente basso tanto da renderlo praticamente impossibile da scaricare in una giornata lavorativa.

La durata della batteria è fantastica, riesce sempre a coprire più di una giornata lavorativa con un tipo di utilizzo misto fatto di Edge, di video in streaming, di programmi di grafica in emulazione, progressive web app e stesura testi offline. In particolare con una luminosità del 70% (valore molto alto per questo display, di solito si setta la luminosità intorno al 55%) ed un volume audio impostato al 60% Samsung Galaxy Book S raggiunge questi risultati di autonomia reale per la versione con Snapdragon 8cx:

  • Riproduzione streaming 4K Amazon Prime Video (web app): 15 ore circa
  • Lavoro in Edge 5 tab + Youtube in background: 14 ore circa
  • Utilizzo Photoshop: 8 ore e 30 minuti circa
  • Utilizzo offline con Word: 15 ore circa
  • Utilizzo gaming (Asphalt 9): 3 ore circa

I seguenti dati vanno presi come indicativi, ci sono troppi fattori che possono incidere sulla durata della batteria e per un notebook Always Connected anche la stabilità della ricezione può influenzare l’autonomia. C’è da ammettere però che avere Windows 10 su una piattaforma ARM è decisamente un gran vantaggio in termini di autonomia pura. Un notebook classico basato su Intel o AMD non riuscirebbe mai ad avere una durata della batteria simile soprattutto se così sottile e con “soli” 42 Wh.

Samsung Galaxy Book S conclusioni

Samsung Galaxy Book S recensione

Samsung Galaxy Book S rappresenta ciò che saranno i notebook basati su ARM in futuro, macchine sottilissime, sempre pronte, sempre connesse. Galaxy Book S però è tutto questo adesso, è il notebook Always Connected più convincente in circolazione. Il design è impressionante, un notebook così sottile e leggero riesce a regalare quella piacevolezza di utilizzo in ogni contesto che solo le migliori soluzioni del mercato riescono ad offrire, il Book S però riesce a farlo senza rinunciare ad una durata della batteria oltre le più rosee aspettative e la connessione LTE che svincola dalla noia della ricerca del Wi-Fi o dalla necessità di utilizzare lo smartphone come hotspot.

Anche tralasciando le applicazioni ancora non ottimizzate, non è comunque la macchina adatta per chi fa il fotografo, il videomaker, chi modella in 3D o chi semplicemente cerca il massimo del gaming in mobilità. Il processore Snapdragon 8cx è potente, è ben bilanciato ma la potenza grafica è limitata com’è giusto che sia.

Per tutti gli altri, per chi cerca un notebook premium da portare sempre in giro, il Samsung Galaxy Book S è perfetto. Se non si hanno esigenze di creare contenuti professionali, questo ultrabook è in grado di essere ancora più utile dei suoi competitors. Validissimo per i manager incalliti di Excel, ottimo per giornalisti sempre al lavoro via browser web o per studenti alle prese tra PDF e Word.

Non si tratta solo di lavoro in mobilità estrema, Samsung Galaxy Book S è anche un mezzo adatto per l’intrattenimento con un display brillante, vivace e molto luminoso accompagnato da una sezione audio di primo livello curata da AKG con supporto Dolby. Tra le altre cose, è anche una delle pochissime soluzioni per giocare in cloud con Google Stadia attraverso una connessione dati.

Samsung Galaxy Book S costa tanto, 1099 Euro sono un prezzo alto soprattutto se si guarda alla scheda tecnica. Non si deve fare questo tipo di errore, il Galaxy Book S è un ultrabook unico nel suo genere, dedicato a chi ha necessità specifiche in termini di portabilità e connessione sempre presente. Windows 10 su ARM è finalmente pronto, Samsung ha fatto benissimo a credere in una soluzione del genere. Il Galaxy Book S è un vero compagno di viaggio, consigliato.

Scatti realizzati con Canon EOS M6 Mark II – Acquista su Amazon