Computer

Office 365 può essere installato in un numero illimitato di dispositivi

Microsoft Office 365

Microsoft ha annunciato alcune novità davvero interessanti relativamente al suo abbonamento ad Office 365. In particolare, la novità più interessante è l’eliminazione del limite massimo di 10 installazioni, portandolo a un numero infinito.

Stando quindi a quanto annunciato da Microsoft, la nuova release permetterà agli utenti di installare Office 365 su un numero illimitato di dispositivi, così da offrire la miglior produttività in qualsiasi contesto di utilizzo: in ufficio, a casa, in viaggio o nel tempo libero per pianificare le proprie attività.

Si tratta di una novità interessante che permette di aumentare la flessibilità di Office 365 e di migliorare il modo di contrastare G Suite che, forse non tutti sanno, ha ormai sorpassato Microsoft Office per utilizzo.

Ricordiamo che fino a qualche giorno fa Office 365 Home limitava a 10 il numero di installazioni (per cinque utenti), mentre Office 365 Personal prevedeva l’installazione su un unico PC o Mac e un tablet.

Office 365

Come ulteriore novità del pacchetto Office in abbonamento, Microsoft ha pensato di pubblicizzare in maniera migliore le varie componenti del pacchetto. Sembra infatti che da un’indagine portata avanti dall’azienda Doxa, solo il 52% degli utenti è a conoscenza della disponibilità di 1 TB di spazio cloud su OneDrive per ogni user e il 34% degli utenti non sa di poter usare lo stesso account su più dispositivi.

La nuova release di Microsoft Office integra inoltre anche una serie di novità per quanto riguarda le funzioni operative, come ad esempioAnimazione 3D e Morphing per PowerPoint, un nuovo Strumento ricerche di Word, Windows Ink su Office.

Per maggiori informazioni sulle novità di Office 365, vi rimandiamo sulla pagina ufficiale di Microsoft Office.

Fonte: Hwupgrade

Comments

TuttoTech, il tuo nuovo punto di riferimento per la tecnologia

2018 © TuttoTech.net di Mikhael Costa - MK Media S.r.l. c.r. - P.Iva: 08123000963 Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari.

To Top