Windows Centaurus prototipo

Da colosso del software che ha dominato in lungo e in largo il mercato degli anni ’90 e 2000, Microsoft si è pian piano trasformato anche in un produttore di computer, tablet e 2-in-1 (per breve è stato anche produttore di smartphone sfruttando il brand Nokia). Il prossimo 2 ottobre terrà un evento di presentazione in cui la principale star attesa è il dispositivo contraddistinto dal nome in codice Centaurus, ovvero un laptop 2-in-1 con display flessibile o comunque con doppio display. Ed ecco allora che l’ottenimento di un nuovo brevetto legato a un un sistema di raffreddamento per dispositivi flessibili non poteva arrivare in un momento migliore.

Microsoft brevetto sistema di raffreddamento per dispositivi flessibili

Stando alla descrizione presente nel brevetto, l’idea di Microsoft è quella di utilizzare un paio di sensori di temperatura posti direttamente all’interno di parti specifiche nel display e nella cerniera che aiuta il dispositivo a chiudersi ed aprirsi: in base alla loro lettura, il dispositivo azionerebbe o meno il sistema di raffreddamento per tenere sotto controllo le temperature.

Ricordiamo fra l’altro che in passato Microsoft ha ottenuto un altro brevetto per un sistema di raffreddamento a liquido integrato direttamente all’interno della cerniera, il che potrebbe benissimo essere sfruttato in tandem con quest’ultimo.

Al momento non abbiamo alcuna informazione ufficiale né sulla presenza del tanto chiacchierato “Centaurus” all’evento del 2 ottobre né tanto meno dell’effettivo utilizzo di questi brevetti per il suo sviluppo definitivo. Certo è che Microsoft dovrebbe avere tutto il tempo per poterli implementare al meglio, visto che la commercializzazione del dispositivo è attesa, stando a molti analisti, solo nel 2020.