BMW e Marcedes auto a guida autonoma

Lo sviluppo della tecnologia di guida autonoma di livello 4 e di livello 5 sta proseguendo a un ritmo veramente elevato e, seppur ancora nessuna azienda ci sia riuscita (Waymo lo ha fatto ma solo in ambienti controllati), sembra proprio che i prossimi anni saranno quelli buoni. A questo proposito, vi segnaliamo che Daimler (la società proprietaria del marchio Mercedes) e BMW hanno stipulato un accordo di collaborazione per far diventare la guida autonoma nelle autostrade tedesche (le famose autoban senza limiti di velocità) una realtà entro il 2024.

L’accordo prevede la condivisione fra BMW e Mercedes Daimler di 1.200 esperti in guida autonoma, i quali lavoreranno fianco a fianco in gruppi misti e con sede nel campus progettato appositamente per questo scopo di BMW, vicino a Monaco e in due dei centri di test gestiti da Daimler.

I gruppi si concentreranno sullo sviluppo di “sistemi di assistenza alla guida, compresi sensori, nonché di un centro dati comune per l’archiviazione, l’amministrazione e l’elaborazione dei dati e lo sviluppo di funzioni e software“, stando a quanto dichiarato dal BMW Group nel comunicato stampa.

Nvidia guida autonoma

BMW prevede di rilasciare una vettura a guida autonoma di livello 3 nel 2021, mentre Daimler sta collaborando con Bosch in un programma pilota urbano già da qualche mese. Oltre a rilasciare autoveicoli di livello 4 con capacità di guida autonoma, entrambe le società collaboreranno nello sviluppo di nuovi servizi di ride-sharing per imporsi come valida alternativa a Uber e simili.

L’unione degli sforzi da parte di BMW e Mercedes si contrappone a quella di Waymo, Nissan e Renault per rendere la guida autonoma una cosa di tutti i giorni nel continente europeo.

Per chi non lo sapesse, per livello 3 di guida autonoma si intende un’auto in grado di gestire la guida in condizioni ambientali ordinarie, regolando accelerazione, frenata e direzione, mentre il guidatore interviene in situazioni problematiche in caso di richiesta del sistema o se lui stesso verifichi condizioni avverse. Con il livello 4 invece il sistema è quasi del tutto automatizzato ed è grado di gestire qualsiasi evenienza (fa eccezione la guida in condizioni estreme come in caso di maltempo, cosa presente nel livello 5).