Google Chrome

Nel 2017, Google ha annunciato il suo programma Advanced Protection, progettato per salvaguardare gli account Google di coloro che sono “maggiormente a rischio”. Google sta ora cercando di estendere il programma Advanced Protection anche alla navigazione web con Chrome.

Fino a questo punto, tutte le azioni del programma Advanced Protection sono state direttamente studiate per la protezione dell’account Google e dei dati associati. I primi esempi di questo sono l’obbligo di utilizzare le chiavi di sicurezza per accedere all’account e l’impossibilità per le app di terze parti di accedere ai dati di Gmail e Google Drive.

Ora, a quanto pare, Google sta cercando di aiutare gli utenti iscritti al programma a salvaguardare i loro dispositivi e le pratiche di navigazione, in base a una nuova modifica del codice trovata in Chromium Gerrit. Secondo il messaggio del commit, gli utenti di Advanced Protection stanno per ricevere misure di sicurezza contro i download potenzialmente dannosi.

Questo CL crea un set di stringhe per i download quando l’utente viene registrato nel programma Advanced Protection. Quando implementeremo protezioni di download aggiuntive per gli utenti di Advanced Protection, ciò sarà utile per spiegare gli avvertimenti extra.

In un’altra modifica del codice correlata, apprendiamo che Google sta utilizzando la sua tecnologia di Safe Browsing per determinare quali file sono potenzialmente dannosi. Tale funzione è già integrata in Chrome e protegge tutti gli utenti, ma sembra che i server di Google offrano agli utenti di iscritti al programma Advanced Protection un livello di protezione ancora più rigoroso.

Se abilitato, la protezione dei download richiederà i verdetti di Advanced Protection dal Safe Browsing. Questi forniranno protezioni più forti dai file. La navigazione sicura non è sicura al 100%. Quando è impostato su true, ci aspettiamo che il server fornisca una protezione maggiore per gli utenti di Advanced Protection.

Queste novità sono ancora in fase di completamento, con gli utenti che dovrebbero poterne usufruire a partire da Chrome 76.