Google Chrome

Dopo approfondite ricerche da parte della società di sicurezza Awake Security, Google ha rimosso oltre 70 componenti aggiuntivi dannosi dal Web Store per il browser Chrome.

Chrome Web Store è un servizio online di Google per la distribuzione e l’installazione di applicazioni ed estensioni software esclusivamente per il browser Google Chrome.

Reuters riporta che i componenti aggiuntivi dannosi per Google Chrome hanno accumulato oltre 32 milioni di download dal Chrome Web Store e che la maggior parte delle estensioni avvertivano gli utenti di attività dannose sui siti Web oppure di essere in grado di convertire tipi di file specifici.

Purtroppo i componenti aggiuntivi malevoli hanno invece violato la cronologia del browser e i dati sensibili e hanno rubato le credenziali di accesso per strumenti e piattaforme aziendali interni.

Google rimuove da Chrome Web Store oltre 70 estensioni dannose

Alphabet, la holding a cui fanno capo Google e altre società controllate, è stata informata dai ricercatori il mese scorso in merito alle estensioni dannose e il portavoce di Google Scott Westover ha affermato che quando l’azienda viene avvisata per estensioni nel Web Store che violano le sue politiche, la società prende provvedimenti e utilizza tali incidenti come materiale di formazione per migliorare le analisi automatizzate e manuali.

Google ha rifiutato di discutere sulla portata del danno o del perché i sistemi in atto non sono stati in grado di rilevare e rimuovere da soli le estensioni malevole, nonostante le promesse fatte di controllare ed esaminare le estensioni più attentamente dopo il caso dello scorso febbraio.

Il fatto più preoccupante è che non è chiaro chi ci fosse dietro quest’ultima forma di spyware, che la società di ricerca definisce come la più grande campagna ai danni del Chrome Web Store fino a oggi, in quanto gli sviluppatori sono stati in grado di fornire false informazioni di contatto durante l’invio di estensioni a Google.

Leggi anche: Ecco 7 funzioni nascoste di Chrome per Android che dovete provare