Eight Sleep Pod

Il monitoraggio del sonno è un qualcosa che è molto difficile da stimare senza recarsi in una clinica del sonno. Ci sono però aziende che cercano di ridurre il gap sviluppando speciali sensori da letto, come a esempio Eight Sleep Pod.

In un’epoca in cui i passi vengono monitorati da smartphone, il diario alimentare lo si tiene nel telefono, le attività fisiche le si traccia con lo smartphone, il sonno è un’importante parte della vita che necessita di appositi dispositivi per essere monitorato. Si, esistono applicazioni per smartphone e anche smartwatch che propagandano la capacità di analizzare la qualità del sonno ma la qualità non è proprio perfetta.

Se però la fascia bassa per il monitoraggio del sonno è rappresentata dallo smartphone e dagli smartwatch, la fascia altissima dalle cliniche del sonno con apparecchiature mediche, esiste una fascia media che fornisce dettagli abbastanza accurati senza tuttavia spendere molto. Quest’ultima è composta da speciali accessori da inserire sotto il letto, come Eight Sleep Pod.

Il Pod è in pratica un materasso intelligente che combina uno strato di schiuma con uno strato composto da diversi sensori. É presente anche un pratico contenitore dell’acqua che, grazie a un sistema di serpentine interne, permette di riscaldare una o entrambe le zone del materasso.

Una volta installato sia lo strato tradizionale che lo strato “tecnologico”, basta chiuderli entrambi in una copertura particolare che rende il tutto indistinguibile da un materasso tradizionale.

Grazie poi al chip Bluetooth integrato, la configurazione con l’applicazione mobile (disponibile sia per Android che per iOS) è estremamente semplice e non richiede più di 30 minuti.

Regolazione della temperatura

Parte di ciò che rende il Pod così speciale è il livello superiore della griglia attiva. L’acqua dal contenitore passa attraverso il tubo e scorre attraverso il sistema a griglia, quindi riscalda o raffredda ogni lato del letto a qualsiasi temperatura desiderata. Il Pod ha anche una regolazione dinamica della temperatura, il che significa che dopo aver dormito nel letto per alcune notti, inizia a regolare automaticamente la temperatura per tutta la notte.

Monitoraggio della qualità del sonno

Il pod misura i dati biometrici e i dati sulla qualità del sonno. Nell’app Eight Sleep è possibile scoprire esattamente quando ci si addormenta, quando ci si sveglia, per quanto tempo si dorme oltre alle volte che ci si sveglia durante la notte e tempo impiegato per alzarsi dal letto la mattina.

Traccia anche gli stadi del sonno (per quanto tempo si è stati nel sonno leggero, nel sonno profondo e nel sonno REM), così come la frequenza cardiaca e la respirazione.

L’app fornisce anche un punteggio di sonno notturno, che è un punteggio ponderato da 0 a 100 che tiene conto del tempo trascorso nel sonno, del tempo necessario per addormentarsi, del tempo necessario per alzarsi dal letto e della consistenza del tempo di veglia.

Eight Sleep Pod e l’integrazione con Alexa e IFTTT

Molto interessante anche l’integrazione del materasso con Alexa, con la quale poter chiedere all’assistente la qualità del sonno della notte appena trascorsa:

Hey Alexa, chiedi ad Eight Sleep Pod come ho dormito la scorsa notte

Oltre a ciò, sfruttando il servizio IFTTT, è possibile far spegnere le luci Philips Hue quando è ora di andare a letto, oppure far preparare il caffè proprio prima di alzarsi dal letto (se si ha un dispositivo compatibile).

Prezzo non proprio alla portata di tutti

Vi starete chiedendo quanto questo accessorio smart ricco di funzioni costi. Ebbene, per portarselo a casa sono necessari ben 2000 dollari oltre all’abbonamento annuale da 60 dollari per accedere a tutte le funzioni di monitoraggio, non proprio un prezzo alla portata di tutti.

Al di là delle funzioni smart, Eight Sleep Pod si distingue per avere il sistema di riscaldamento integrato e, almeno stando a coloro che l’hanno provato per diverse notti, una comodità abbastanza buona.