Bell Nexus

Uber ha ormai lanciato da diversi anni il suo piano a lungo termine che gli permetterà di espandere il proprio servizio anche ai voli aerei di breve distanza attraverso i droni. Per fare ciò, ha stretto collaborazioni con vari partner, fra cui anche Bell. Seppur omonima, non si tratta dell’azienda che ha portato il telefono nella casa di milioni di persone nel XX secolo. Al CES 2019, l’azienda ha mostrato il nuovo prototipo Bell Nexus, innalzando l’hype nei confronti di Uber di molto.

“Dato che lo spazio a livello del suolo diventa limitato, dobbiamo risolvere le sfide dei trasporti nella dimensione verticale – ed è qui che la visione della mobilità on-demand di Bell prende piede“, ha detto in una nota l’amministratore delegato di Bell, Mitch Snyder. “L’industria ha anticipato la rivelazione del nostro taxi volante per qualche tempo, quindi Bell è molto orgoglioso di questo momento. Crediamo che il design, insieme con il nostro approccio strategico per costruire questa infrastruttura, porterà all’implementazione di successo del Bell Nexus in il mondo.”

Il Bell Nexus mostrato al CES 2019 è un prototipo non funzionante e, secondo alcuni dirigenti dell’azienda, non se ne avrà uno funzionante fino a pochi mesi prima del debutto ufficiale.

A maggio del 2018, Uber ha mostrato uno dei suoi prototipi di taxi volante al suo Uber Elevate Summit, e ha detto che punta a far sì che gli aerei siano disponibili per operazioni commerciali entro il 2023.

In linea con i piani di Uber, Scott Drennan, direttore dell’innovazione di Bell, ha dichiarato a The Verge che la società intende far funzionare il Bell Nexus entro la “metà degli anni ’20”, affermando che “questo non è un giocattolo, è un aereo di cui ti sentirai sicuro di volare e a tuo agio nel far entrare la tua famiglia”.