Google Chrome

Lo scorso anno il team di Google Chrome ha iniziato a sviluppare una nuova feature basata sulla tecnologia QR e pare che nell’ultima versione Canary del browser di Google si inizino a vedere i frutti di tale lavoro.

Una volta abilitato l’apposito flag sull’ultima release di Google Chrome Canary (chrome://flags/#sharing-qr-code-generator), l’utente ha due possibilità per realizzare un codice QR della pagina attuale, così da poterlo poi condividere comodamente.

Come funziona il generatore di codici QR di Google Chrome Canary

Il primo è rappresentato da un clic sull’apposito tasto presente in alto nella Omnibar:

Google Chrome Canary

Il secondo, invece, prevede un clic sul tasto destro del mouse e la selezione dell’apposita opzione nel menu:

Google Chrome Canary

Una volta selezionato il comando per la generazione del codice QR, il browser creerà un codice effettivamente funzionante (almeno su Windows). Inoltre è pure possibile modificare l’URL senza dover accedere a una nuova pagina (digitando nella casella sotto le immagini, generando nuovi codici durante la digitazione, sebbene al momento esista un limite di 84 caratteri per la lunghezza degli URL).

Questi codici possono essere scansionati mentre al momento il pulsante “download” non funziona (potrebbe essere attivato in seguito).

Questa nuova feature è attiva nell’attuale versione Canary di Chrome per computer Windows (84.0.4116.2) e potrebbe essere soggetta a modifiche prima di venire implementata nel canale stabile.