Lenovo ThinkReality Platform

Giornata di grandi annunci quella di Lenovo che, dopo aver lanciato un nuovo mini PC dalle dimensioni super compatte ma che ha potenza da vendere, ha tolto il velo sulla nuova ThinkReality Platform. Si tratta di una piattaforma di nuovi visori compatibili con la Windows Mixed Reality. Il primo modello è chiamato Lenovo ThinkReality A6 ed è un all-in-one, ovvero non ha la necessità di essere collegato a un PC. All’interno infatti è presente un SoC Qualcomm Snapdragon 845.

Basato sulla piattaforma mobile Qualcomm Snapdragon 845 e sulla Intel Movidius VPU, il visore ThinkReality A6 è leggermente pi potente di Oculus Quest lanciato qualche giorno fa e in cui Lenovo ha preso parte allo sviluppo. Oltre a ciò, è dotato di un sensore di profondità, una fotocamera RGB da 13 MP, due obiettivi fish-eye per il tracciamento Inside-Out e un’unità di misurazione inerziale (IMU). Può essere controllato con la voce, con le gesture, col controllo dello sguardo o con un controller. Lo schermo ha un campo visivo di 40 gradi e una risoluzione di 1080p per ciascun occhio. Inoltre, pesa solo 380 grammi, quindi è facile da indossare per molto tempo.

Lenovo ThinkReality Platform

Il visore è dotato di una cinghia “Halo” integrata che lo rende facile da trasportare ed estremamente comodo. Lenovo promette fino a quattro ore di autonomia.

La ThinkReality Platform è progettata per le applicazioni aziendali, ad esempio per assistere qualcuno in remoto posizionando  grafici e dati sul mondo reale o per la formazione dei dipendenti. Gli ingegneri possono creare oggetti e visualizzarli in realtà aumentata senza dover prima costruire un modello fisico, riducendo drasticamente i tempi di produzione, nonché i costi.

Fornire il prezzo di vendita sarebbe dunque inutile, visto l’impossibilità di comprarlo nel mercato consumer. Tra l’altro, Lenovo non ne ha fatto alcuna menzione.