Chrome OS 70

A partire dalla scorsa versione di Chrome, Google ha avviato un programma rivoluzionario che ha lo scopo di sostituire del tutto gli URL con qualcosa di più semplice. Tuttavia, sembra che gli utenti non siano ancora pronti alla rivoluzione, visto che con grandi lamentele hanno fatto cambiare (per ora) idea al colosso.

Gli URL – o Uniform Resource Locator – sono abbastanza semplici in linea di principio. Servono come indirizzo del sito Web che si desidera visitare, indirizzando i browser nel posto giusto sui server Web corretti. Abbastanza semplice quando si tratta di home page e siti a pagina singola, ma al di là di questi, gli URL sono diventati lunghi e complessi, pieni di stringhe di numeri e lettere senza senso.

Google non ha abbandonato del tutto il "WWW" 1
Izmir, Turkey – March 27, 2011: Close up of Google Chrome Web Browser web page on the web browser. Chrome is widely used web browser developed by Google.

Adrienne Porter, direttore tecnico di Chrome, Felt ha dichiarato: “Sono difficili da leggere, è difficile sapere quale parte di loro debba essere considerata attendibile e, in generale, non penso che gli URL stiano funzionando come un buon modo per trasmettere l’identità del sito. Quindi vogliamo spostarci verso un luogo in cui l’identità web sia comprensibile da tutti: sanno a chi stanno parlando quando utilizzano un sito Web e possono ragionare sulla possibilità di fidarsi di loro.

Ma questo significherà grandi cambiamenti nel modo in cui e quando Chrome visualizza gli URL. Vogliamo mettere in discussione il modo in cui gli URL dovrebbero essere visualizzati e metterli in discussione mentre stiamo cercando il modo giusto per trasmettere l’identità.”

Google pensa che una barra degli indirizzi più pulita (senza lunghi URL composti da lettere e numeri) semplificherà l’identificazione dei domini affidabili. Altri ancora hanno sottolineato l’interesse di Google ad ampliare la portata del proprio sottodominio AMP.

In Chrome M69, abbiamo apportato una modifica per nascondere i sottodomini del caso speciale “www” e “m” nella omnibox di Chrome”, ha affermato il product manager di Google Chromium Emily Schecter in un post sul blog. “Dopo aver ricevuto feedback dalla comunità su queste modifiche, abbiamo deciso di ripristinare queste modifiche in M69 su Chrome per desktop e Android.”