Facebook

Nella giornata di ieri vi abbiamo raccontato delle richieste dell’Unione europea in tema di limitazione della qualità video dei servizi di streaming allo scopo di evitare di congestionare la Rete e oggi anche i social network, con Facebook e Instagram in testa, hanno deciso di adeguarsi.

A causa della delicata situazione legata alla pandemia di COVID-19, tantissime persone rimangono a casa e trascorrono molto più tempo online, non solo per motivi di studio e lavoro, ma anche per sfruttare servizi di streaming video e ovviamente i social network. Per far fronte a questo enorme aumento di consumo di dati, ieri Disney+, NetflixYouTube e Amazon hanno accettato di ridurre l’utilizzo della banda larga in Europa attraverso un abbassamento della qualità video.

Oggi, in maniera tutt’altro che sorprendente, anche Facebook e Instagram hanno accettato di fare lo stesso, lo si evince dalle dichiarazioni rese da un portavoce di Facebook al team di Engadget:

«Per aiutare ad alleviare qualsiasi potenziale congestione della rete, ridurremo temporaneamente il bit-rate dei video su Facebook e Instagram in Europa. Siamo impegnati a lavorare coi nostri partner per gestire eventuali riduzioni di banda in questo periodo di grande richiesta, garantendo contestualmente alle persone la possibilità di rimanere connesse usando app e servizi di Facebook durante la pandemia di COVID-19».

Una mossa necessaria, non solo per il traffico che queste due piattaforme social generano abitualmente, ma anche perché in questi giorni sono sempre più numerose le persone che, non potendo incontrarsi di persona, sfruttano le videochiamate (a tal proposito, abbiamo realizzato una selezione delle migliori app per le videochiamate). Insomma, se agli utenti che fanno frequente uso di Facebook e Instagram questa riduzione di qualità potrebbe non far piacere, è certamente più importante garantire che tutte le persone abbiano la possibilità di lavorare da casa e di rimanere in contatto con le persone care.

Leggi anche: Amazon sospende la vendita di beni non essenziali in Italia