Computer

L’UE commissiona il più potente supercomputer al mondo con 1 miliardo di euro

L’Unione europea (UE) ha lanciato un nuovo progetto da 1 miliardo di euro per costruire il supercomputer più veloce del mondo entro il 2023, superando nazioni del calibro di Stati Uniti, Cina e Giappone. Si prevede che il computer exascale sia in grado di raggiungere un quintilione di calcoli al secondo.

Una nuova struttura legale e di finanziamento, l’impresa comune EuroHPC, acquisisce, costruirà e distribuirà in tutta Europa un’infrastruttura HPC (High-Performance Computing) di classe mondiale. Sosterrà inoltre un programma di ricerca e innovazione per sviluppare tecnologie e macchine (hardware) e applicazioni (software) che funzionerebbero su questi supercomputer.

L’UE contribuirà con 486 milioni di euro attraverso l’attuale quadro finanziario pluriennale e il resto del miliardo di euro arriverà dai paesi membri e dagli Stati associati. La dichiarazione EuroHPC è stata firmata nel Marzo 2017 e i paesi partecipanti includono Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Bulgaria, Slovenia, Svizzera, Grecia e Croazia.

Si tratta di un progetto che va oltre ogni altra previsione di crescita sul fronte digitale. Mariya Gabriel, Commissioner per la Digital Economy e la Society, ha dichiarato in merito:

I supercomputer sono già al centro di importanti progressi e innovazioni in molte aree che incidono direttamente sulla vita quotidiana dei cittadini europei. Possono aiutarci a sviluppare una medicina personalizzata, risparmiare energia e combattere il cambiamento climatico in modo più efficiente. Una migliore infrastruttura europea di supercalcolo offrirà un grande potenziale per la creazione di posti di lavoro ed è un fattore chiave per la digitalizzazione dell’industria e per aumentare la competitività dell’economia europea.

Nonostante le ambizioni dell’UE, la Cina ha dichiarato di voler predisporre un computer exascale nel 2018, cinque anni prima dell’UE.

Via  Fonte

Comments
To Top