Cultura Tech

La centrale elettrica Tesla in Australia funziona già alla grande

Al fine di limitare i problemi legati alle interruzioni di energia elettrica abbastanza frequenti in Australia, Elon Musk si è offerto qualche tempo fa di realizzare una nuova centrale elettrica contenente le batterie “made in Tesla” come sistema di backup. Ebbene, a distanza di alcuni mesi dall’entrata in funzione (nonostante non fosse prevista fino alla prossima estate), ha già fatto fronte a due blackout.

Chiamata Hornsdale Power Reserve, la centrale elettrica di Tesla è situata nello stato dell’Australia Meridionale. Nel caso dei due blackout in cui è intervenuta, è riuscita a garantire una continuità di energia elettrica dopo soli 4 secondi nel primo caso e dopo appena 0,14 secondi nel seconda caso.

Tom Koutsantonis, ministro dell’Energia dell’Australia Meridionale, ha detto che «è stato un record, e gli operatori nazionali sono rimasti scioccati dalla velocità e dall’efficienza con cui la centrale a batteria è riuscita a fornire energia».

L’energia elettrica sempre più dentro la quotidianità delle persone

Le tecnologie come questa permettono, soprattutto nei luoghi in cui la rete di distribuzione elettrica non è messa nelle migliori condizioni, di sopperire alle continue interruzioni elettriche. Nonostante Tesla sia in prima linea soprattutto con le auto elettriche, offre prodotti complementari come questo.

Tra l’altro, ricordiamo che Tesla ha anche lanciato un sistema di backup elettrico “casalingo” chiamata Tesla Powerwall. Esso funziona come accumulore di energia elettrica in combinata con i pannelli solari, così da ricaricarsi nei periodi di picco (di giorno) e finire energia nei periodi di magra (la notte).

Via

Comments
To Top