Cultura Tech

Fatturazione a 28 giorni abolita definitivamente

La fatturazione a 28 giorni, contestata a lungo dagli utenti e dall’Autorità Garante delle Comunicazioni, è stata dichiarata ufficialmente illegittima.

Con l’approvazione da parte dalla Camera del decreto legge recante disposizioni urgenti in materia finanziaria (meglio conosciuto come decreto fiscale), tutti gli utenti hanno trovato una vittoria contro la fatturazione a 28 giorni non solo delle compagnie telefoniche ma anche delle TV satellitari (Sky).

Per chi non lo sapesse, con la fatturazione a 28 giorni gli utenti arrivavano a pagare una mensilità in più rispetto al normale o se preferite l’8% in più su base annua.

Le nuove fatturazioni dovranno avvenire per forza su base mensile o sui rispettivi multipli (bimestrale, trimestrale o semestrale). Tutti gli interessati (operatori telefonici e emittenti satellitari) hanno 120 giorni di tempo per adeguarsi pena le sanzioni previste dal Codice delle comunicazioni elettroniche che vanno da un minimo di 240mila euro a un massimo di 5 milioni.

Come se no bastasse, gli operatori che non si adegueranno dovranno rimborsare ai clienti destinatari della bolletta irregolare 50 euro forfettari oltre 1 euro per ogni giorno di ritardo.

Il compito di vigilare sulla corretta procedura di cambiamento della fatturazione e di avviso degli utenti spetta all’AGCOM.

Sembrerebbe a prima vista una piena vittoria che va a favore degli utenti ma resta da vedere adesso se tutti gli operatori rimoduleranno le loro tariffe in risposta all’illegalità della fatturazione a 28 giorni. Staremo a vedere come si evolverà la situazione.

Via

Comments
To Top