Smartphone

Apple si accorda con LG per lo sviluppo di un ipotetico iPhone flessibile

Forse non tutti sanno che la componente più costosa di iPhone X è il display OLED fornito da Samsung. Il colosso coreano addirittura guadagnerà di più dalle vendite di iPhone X che da quelle del Galaxy S8. Apple probabilmente sarà costretta a un accordo con Samsung anche per il 2019, motivo per cui potrebbe aver preso già degli accordi con LG per la fornitura futura di display flessibili per un ipotetico iPhone flessibile.

Se un display OLED ha un costo elevato, è molto probabile che un display OLED flessibile abbia un costo ancora più alto. Al fine di rallentare la propria dipendenza da Samsung e cercare di risparmiare un po’, Apple potrebbe aver scelto di affacciarsi sull’altro fronte coreano costituito da LG Display.

LG ha inoltre costituito un team per accelerare il processo di sviluppo della tecnologia RFPCB, ovvero quella che consente di stampare dei PCB flessibili in base al form factor della scocca.

Apple è a un bivio molto importante per il primo iPhone flessibile

Al momento non vi è nulla di ufficiale ma si tratta solo di un’indiscrezione. Tuttavia, se effettivamente Apple avesse l’intenzione di affidarsi a LG per un futuro iPhone flessibile, per Samsung sarebbe decisamente un duro colpo.

C’è da dire però che la produzione di massa di questa tipologia di display OLED flessibili in LG non inizierà prima del 2020, per cui l’ipotetico iPhone flessibile arriverebbe sul mercato dopo circa 2 anni dai primi smartphone previsti da Samsung.

Insomma, come per ogni altro settore dell’industria, si tratta di trovare il corretto bilanciamento fra qualità, disponibilità immediata e costo.

Fonte

Comments
To Top