Smartphone

Netflix dice addio ai dispositivi con root e bootloader sbloccato

Netflix ha deciso di abbandonare i dispositivi che non rispettano le direttive di sicurezza Google, nonchè quelli che presentano root e bootloader sbloccato. Se il vostro smartphone o tablet fa parte di questa “categoria”, l’applicazione non verrà più visualizzata sul PlayStore e al suo posto sarà presente un messaggio di non compatibilità.

Netflix è contro il modding illegale

Lo sblocco del bootloader e i permessi di root sono le basi del modding Android. Sebbene questi passaggi siano essenziali per l’installazione di una custom ROM, spesso vengono utilizzati per scopi che di legale hanno ben poco. Per ovviare a questo problema, Google ha introdotto la tecnologia Widevine DRM e le API SafetyNet, le quali sono entrate a far parte dell’applicazione Netflix.

Grazie a questa implementazione, i dispositivi con permessi di root saranno prontamente riconosciuti e i contenuti multimediali verranno bloccati all’istante. La nuova versione 5.0 di Netflix porta infatti con sè il seguente changelog:

  • La versione 5.0 funziona solo con i dispositivi che sono certificati da Google e soddisfano tutti i requisiti di Android

Non sappiamo ancora il reale motivo di una scelta così “drastica” ma con molta probabilità potrebbe essere legata alla pratica scorretta di salvare e visualizzare i contenuti offline. Altre applicazioni che sfruttano la stessa piattaforma Google sono ad esempio Pokèmon Go, Super Mario Run e Snapchat.

Via

Comments

TuttoTech, il tuo nuovo punto di riferimento per la tecnologia

2017 © TuttoTech.net di Mikhael Costa - MK Media S.r.l. c.r. - P.Iva: 08123000963 Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari.

To Top