Senza categoria

Nexus Prime: questi i dettagli del Verizon Galaxy Nexus?

Da giorni ormai si susseguono news più o meno affidabili su cosa ci sarà all’interno del nuovo telefono google experience, oltre ovviamente ai rumor relativi alla data di presentazione e a eventuali problemi sull’uscita. Ma se su quesi utlimi due dettagli nelle ultime ore ci sono state diverse voci discordanti, sulle caratteristiche hardware le varie voci sembrano tutte andare abbastanza nella stessa direzione se non per alcuni dettagli.

I rumor a cui ci riferiamo in questo articolo mettono però l’accento su una particolare commercializzazione del nuovo googlefonino e in particolare su quello che sarà il suo nome nella versione brandizzata Verizon. Infatti secondo la fonte, il dispositivo Samsung dal nome in codice SCH-i515 (anche il codice è solo ipotetico, ma quasi sicuramente sarà quello della versione CDMA americana) non sarà denominato Nexus Prime, ma più verosimilmente prenderà l’altro nome che da tempo gira, ovvero Galaxy Nexus.

Per quanto riguarda la componentistica interna del nuovo smartphone di Mountain View i vari rumor che circolano sono quasi tutti coincidenti e l’unico dettaglio su cui in effetti è ci sono ancora ipotesi discordanti, è quello del cuore del dispositivo, ovvero la CPU. Un primo aspetto è proprio quale CPU sarà montata. Da un lato troviamo chi, seguendo quanto già ipotizzato tempo fa come CPU preferita per Ice Cream Sandwich, ipotizza un processore OMAP, mentre dall’altro si pensa che Samsung voglia fare il più possibile in casa sfruttando il nuovo progetto Exynos.

Ci viene quasi da pensare che tra i motivi del rinvio della presentazione ci possa essere anche una problematica di disponibilità immediata delle CPU (ma ovviamente è solo un’ipotesi). L’altro dettaglio su cui le opinioni sono divise è la frequenza a cui girerà questo processore. C’è chi dice 1,5Ghz e chi 1,2Ghz e su quest’ultima cifra la voce che non si tratti di un clock nativo ma abbassato volutamente (chissà, per aumentare la durata della batteria e tenersi margine di potenziamenti futuri).

Per il resto, le altre specifiche confermano quasi al 100% quello che già sappiamo da diverso tempo oltre a qualche piccolo dettaglio in più:

  • 32GB  storage interno
  • niente slot SD  (sì 32GB sono tanti, ma questo dettaglio già aveva penalizzato il Nexus S e tanti in effetti speravano che Google ne avessa fatto tesoro)
  • notifiche LED  (di ritorno come sul Nexus ONE, mentre mancante sul Nexus S )
  • 1GB RAM
  • LTE
  • NFC
  • registrazione video 1080p HD  @30fps
  • fotocamera da 5MP (si pera che lenti e sensore siano di qualità superiore rispetto al precedente googlefonino visto che i megapixel sono rimasti gli stessi)
  • forse una sorta di funzione di time lapse (tecnica cinematografica di riproduzione video, cliccate qui per saperne di più)
  • Ice Cream Sandwich confermato come Android 4.0
  • Internamente, il Nexus Verizon è conosciuto come Tuna/Tuna 4G (scheda/modelllo) così come Toro (prodotto/device)
  • come nome quasi sicuramente Galaxy Nexus
  • schermo largo  – qui si presume che siano i tanto chiacchierati 4.65 pollici ma non è detto che lo siano visto che data anche la curvatura del display, le stesse simulazioni fatte possono essere molto affidabili ma non perfette.

Che dire. Non ci resta come sempre che attendere conferme o smentite. Sta di fatto che ormai questo smartphone sta diventando sempre più desiderato prima ancora di essere realmente visto. C’è anche da sottolineare che dai rumors che girano, i clienti Verizon saranno i primi a mettere le mani sul nuovo device di google, visto che il gestore telefonico avrà probabilmente l’esclusiva di lancio (almeno della versione  per le reti americane).

Via

Comments

TuttoTech, il tuo nuovo punto di riferimento per la tecnologia

2017 © TuttoTech.net di Mikhael Costa - MK Media S.r.l. c.r. - P.Iva: 08123000963 Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari.

To Top